fbpx

Taormina

Taormina

Sicilian scents


You will walk up and down the scented trails of Taormina and you will enjoy a unique view in the generous land of Sicily. Between citrus and orchards everything here smells of extraordinary, and has come to us through centuries of history, intact and unharmed.


The first news concerning this pleasant destination comes to us from the very distant 700 B.C., when the Siculi community had settled living on cattle breeding and agriculture before the landing of the Greeks who founded the equally beautiful Naxos at that time (today Giardini Naxos). These cities survived the Roman era and the fall of this empire tried to resist the attacks of the Saracens but succumbing towards 900 A.D. with a tragic slaughter. In the following years the Christian community tried to regain control and finally came a period of peaceful coexistence. However, it cannot be said that peace could reign for a long time on the Sicilian coast, and the great beauty of Taormina was certainly the cause of various and repeated invasions throughout the 1000s. French and Spanish took turns, then the Bourbons intervened with urban improvement works and donated the magnificent Isola Bella, located at the foot of the rocks on which Taormina stands to the mayor of the city as a sign of gratitude.


From the beginning of the 1800s until the 1980, Taormina was an important cultural and artistic centre and a place of residence for important names. The tourist season is developed throughout the year with a pleasant climate during the winter and maximum heat bets in August. Easy to imagine the sweet life lived in these places of delight, something that is very close to a paradise on earth. Seat of a major social and artistic elite, thanks to the fact that it became the summer residence of powerful people from all over the world, Taormina became an open theatre, representing all kind of arts. It still is today, with a summer offer of great events, in a beautiful setting.


Today, uncontainable landscapes and a sea painted in a thousand shades of blue remain. The waters rich in fish from the Strait of Sicily form the border to a happy territory, which gives guests a difficult memory to erase.
The slopes of the nearby Mount Etna do not frighten and indeed give opportunities for visits to a volcano that just does not want to be silent. But fear not, the evening show of a distant casting will be unforgettable.


For a perfect stay I suggest Casa Turchetti, Sala dei Gracchi 18/20, in the heart of the city, a luxury B&B offering rooms dedicated to musical themes, having been the home of the musician Turchetti and place of his music school.


With www.sicilyexcursions.com you will be able to organize all the visits in eastern Sicily, accompanied by expert guides, and the certainty of not losing any particular or historical detail.

How to get there:
 Airport: Catania (CTA), in about 1 hour.
To be seen:
 The ancient Greek theater with seaview.
 Corso Umberto for the shopping
 Palazzo Corvaja, expo centre and medieval building
 Isola Bella, beach with natural protected area
 The Church Madonna della Rocca (unmissable panorama, challenging climb)
 The Taormina Cathedral

Profumi siciliani

Camminerete su e giù per i sentieri profumati di Taormina e godrete di una vista unica al mondo, nella terra generosa di Sicilia. Tra agrumeti ed orti qui tutto odora di straordinario, ed è arrivato a noi attraverso secoli di storia, intatto ed incolume.


Le prime notizie relative a questa amena destinazione ci arrivano dal lontanissimo 700 a.C. dove la comunità di Siculi si erano insediati vivendo di allevamento di bestiame ed agricoltura già prima dello sbarco dei Greci che in quell’epoca fondarono la altrettanto bellissima Naxos (oggi Giardino Naxos). Queste città sopravvissero all’epoca romana e alla caduta di questo impero cercò di resistere agli attacchi dei saraceni, soccombendo però verso il 900 d.c. con un tragico eccidio. Negli anni a seguire la comunità cristiana cercò di riprendere il controllo e finalmente si giunse ad un periodo di convivenza pacifica. Non si può dire però che la pace potesse regnare a lungo sulla costa siciliana, e la grande bellezza di Taormina fu causa, certamente, di invasioni varie e ripetute nel corso di tutti gli anni 1000. Francesi e spagnoli si avvicendarono, poi i Borbone intervennero con opere di miglioramento urbano e donarono la magnifica Isola Bella, che si trova ai piedi delle rocce su cui si erge Taormina, al sindaco della città in segno di riconoscenza.

Dall’inizio del 1800 fino agli anni 1980 Taormina è centro culturale ed artistico importante, e luogo di residenza di nomi importanti. La stagione turistica è sviluppata su tutto l’arco dell’anno con clima piacevole durante l’inverno e puntate massime di calore ad agosto. Facile immaginare la dolce vita vissuta in questi luoghi di delizia, qualcosa che si avvicina di molto ad un paradiso in terra. Divenuta quindi sede di una élite sociale ed artistica di rilievo, grazie al fatto che divenne residenza estiva di potenti di tutto il mondo, Taormina divenne un teatro aperto, rappresentante tutte le arti. Lo è ancora oggi, con un’offerta estiva di grandi eventi in uno splendido scenario.

Oggi restano panorami incontenibili ed un mare dipinto in mille toni di blu. Le acque ricche di pescato dello stretto di Sicilia fanno da confine ad un territorio felice, che dona agli ospiti un ricordo difficile da cancellare.
I pendii del vicino Etna non impauriscono e anzi, danno occasioni di visite ad un vulcano che proprio non vuol saperne di tacere. Ma non temete, lo spettacolo serale di una lontana colata sarà un ricordo che non potrete cancellare.

Per un soggiorno indimenticabile suggerisco Casa Turchetti, sala dei Gracchi 18/20, nel pieno centro della città, luxury B&B che offre camere dedicate a temi musicali, essendo stata dimora del musicista Turchetti e sede della sua scuola di musica.

Con www.sicilyexcursions.com potrete invece organizzare tutte le visite turistiche nella Sicilia orientale, con accompagnamento di guide esperte, e la certezza di non perdervi ogni particolare dettaglio turistico o storico.

Come arrivare:
 Aeroporto: Catania – CTA (circa un’ora)
Da vedere:
 Teatro greco antico di Taormina con vista mare
 Corso Umberto per lo shopping
 Palazzo Corvaja, centro espositivo e palazzo medievale
 Isola Bella, spiaggia e area protetta
 Chiesa Madonna della Rocca (panorama imperdibile, salita impegnativa)
 Duomo di Taormina

Archivi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *